I mirtilli, una miniera di salute!

65604

Il mirtillo (Vaccinium myrtillus) appartiene alla famiglia delle Ericacee. Cresce a grappolo e puo avere le dimensioni di un piccolo pisello, fino ad arrivare ad una grossa biglia. Di colore blu intenso, si distinguono per avere una patina che ne riveste la superficie, utile come rivestimento protettivo. I mirtilli coltivati sono leggermente dolci, mentre quelli selvatici hanno un sapore di aspro e intenso.

Crescono in molte zone del mondo, in particolare nell’Emisfero Nord in America, Europa ed Asia. Pare che siano consumati dagli uomini fin dai tempi preistorici. Lo sviluppo commerciale dei mirtilli inizia nel XX secolo,quando se ne intraprese con successo la coltivazione. Oggi ne esistono centinaia di varietà, frutto di incroci casuali ed intenzionali.

 Proprietà

Sono una fonte eccellente di flavonoidi, in particolare antocianidine, composti antiossidanti responsabili dei pigmenti blu, porpora e rossi. Contengono una buona fonte di vitamina C, di fibre solubili ed insolubili, manganese, vitamine E, riboflavina.

Una porzione da 100 g fornisce: 57 kcal, 0,7 g di proteine, 0,3 g di grassi, 14,5 g di carboidrati.

 Benefici

Gli effetti salutari dei mirtilli sono dovuti principalmente alle antocianidine, con effetto antiossidante. Una delle applicazioni pratiche degli effetti antiossidanti è la protezione contro il morbo di Alzheimer. Studi condotti su animali hanno evidenziato il ruolo protettivo nei confronti dello stress ossidativo sul cervello, riducendo gli effetti di malattie neurodegenerative, inducendo miglioramenti significativi nella capacità di apprendimento e di abilità motorie, migliori capacità comunicative.

Numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia dei mirtilli nella protezione contro la degenerazione maculare dovuta all’età e nel miglioramento della vista. Altri studi clinici hanno provato che gli estratti di mirtillo migliorano l’acutezza visiva durante la notte, facilitano l’adattamento al buio e accelerano il recupero dell’acuità visiva dopo un’esposizione alla luce abbagliante. Ulteriori ricerche indicano che il mirtillo svolge una notevole azione terapeutica per contrastare lo sviluppo della cataratta e del glaucoma e nel trattamento di vene varicose, emorroidi, ulcere peptiche.

Sono tradizionalmente usati come rimedio popolare a diarrea e stitichezza; oltre a fibre solubili ed insolubili contengono tannini, che agiscono come astringenti dando consistenza alle feci.

Notevoli effetti anche nel contrastare le infezioni del tratto urinario: i composti isolati nel succo di mirtillo riducono la capacità di attecchimento dell’Escherichia coli, batterio che più comunemente provoca infezioni urinarie.

 Controindicazioni

I mirtilli contengono una discreta quantità di ossalati. Particolare attenzione quindi a chi soffre di calcoli renali contenenti ossalati.

 Scelta, conservazione e preparazione

Se acquistate mirtilli freschi, devono essere sodi, di colore vivo ed uniforme; da evitare quelli molli, raggrinziti, acquosi e di colore spento. La confezione deve essere priva di acqua o umidità, onde evitare l’imputridimento delle bacche. Chiusi nel contenitore, si conservano in frigorifero per circa 1 settimana. Vanno lavati soltanto prima del consumo, poiché il lavaggio li priva della patina che li protegge dalla degradazione.

Se acquistate i mirtilli congelati, scuotete delicatamente il sacchetto per verificare che le bacche non siano incollate e che si muovano liberamente. In caso contrario, significa che sono state congelate e ricongelate.

Se utilizzate frutti congelati per le vostre ricette, scongelateli prima dell’uso. In molte ricette conviene utilizzare i mirtilli congelati in quanto garantiscono il massimo dell’aroma.

 Idee per piatti gustosi

  • Aggiungi mirtilli freschi o congelati al tuo frappè di frutta
  • Aggiungi mirtilli freschi alla tua ciotola di cereali per la colazione, doneranno colore e tante sostanze nutritive
  • Usa i mirtilli come ripieno per le crepe
  • Arricchisci il tuo yogurt bianco con mirtilli e pezzettini di zenzero candito
  • Miscela marmellata di mirtilli a spezie per creare una salsa per carne al forno

Riferimenti bibliografici:

Amouretti, M., “Therapeutic Value of Vaccinium myrtillus anthocyanosides in a Internal Medicine Department”, Therapeutique 1972; 48:579-581

Galli, R.L., B. ShukittHale, “Fruit Polyphenolics and Brain Aging: Nutritional Interventios Targeting Agerelated Neuronal and Behavioral Deficits”, Ann NY Acad Sci 2002:959:128-132

Ofek, I., J.Goldhar, “Antiescherichia Activity of Cranberry and Blueberry Juices”, The New England Journal od Medicine 1991;324:1599

 

Informazioni tratte da “Enciclopedia della Nutrizione” di M.Murrat, J.Pizzorno, L.Pizzorno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>